Pensieri primaverili

22 Mar

2017

Pensieri primaverili

Sarà perché la primavera invita a pensieri raccolti e intimi… sarà perché sto invecchiando (ipotesi ben più plausibile)… però in questi giorni sto riflettendo su cosa ci è rimasto di “cultura cristiana” e sono un po’ rattristato.

Una tristezza che mi viene dalla consapevolezza di un passaggio che ci ha accompagnato in questi anni (tanti!, cinquanta!!, il che conferma che sto invecchiando!!!) dalla fioritura post conciliare al grigiore di un cattolicesimo di retroguardia (non fosse per papa Francesco e la sua formidabile voglia di evangelizzazione, saremmo in uno stallo spaventoso).

Penso a figure come Milani, Balducci, Turoldo, Lazzati, Lubich, Bello, Martini… e poi mi guardo attorno alla ricerca di una voce profetica per l’oggi: l’unica immagine che mi sembra poter rendere bene l’idea di quel che ne ricavo me la offre un mio vecchio professore di greco: è come succhiare un turacciolo al buio.

Ma non voglio fermarmi a queste piccole nostalgie. Vorrei piuttosto che “ciò che ci è rimasto di cultura cristiana” fosse davvero l’essenziale. E allora provo ad alzare lo sguardo: quest’anno ci sono due centenari che appaiono diametralmente opposti, quello di Fatima e quello della Riforma. È curioso che chi celebra l’uno si sente in dovere di screditare l’altro: i cattolici devoti contro i cattolici protestanti (ossimoro? forse no). Come si fa a dialogare col mondo, con la cultura, con il futuro dell’uomo se non si riesce nemmeno a costruire un ponte all’interno della nostra stessa casa?

E così, fra tristezza e voglia di profezia, mi faccio coraggio e provo a dire che Fatima e Lutero non sono lontani per il credente in ricerca; poiché devozione e profezia sono le due facce del medesimo cammino. E il credente cristiano non può evitare né l’una né l’altra. Il Rosario e la Parola di Dio devono camminare insieme. Per troppo tempo non abbiamo permesso (soprattutto noi pseudo intellettuali) che lo facessero.

Copyrights © Synesio - la tenda delle idee. All rights reserved - P.Iva e C.F. 04451860961