Warning: A non-numeric value encountered in /home/synesioiwv/www/wp-content/themes/the-bookstore/framework/include/kode_front_func/kode_loadstyle.php on line 12

Warning: A non-numeric value encountered in /home/synesioiwv/www/wp-content/themes/the-bookstore/framework/include/kode_front_func/kode_loadstyle.php on line 12
Tornare a pe(n)sare la vita con attenzione – Synesio – La tenda delle idee

Warning: Illegal string offset 'header-background' in /home/synesioiwv/www/wp-content/themes/the-bookstore/framework/include/kode_front_func/kf_function_utility.php on line 1218

Warning: Illegal string offset 'header-background' in /home/synesioiwv/www/wp-content/themes/the-bookstore/framework/include/kode_front_func/kf_function_utility.php on line 1218

Tornare a pe(n)sare la vita con attenzione

20 Ott

2017

Tornare a pe(n)sare la vita con attenzione

Il cardinal Martini, più volte ha fatto uso di un adagio che non sempre è stato percepito bene e che possiamo riassumere così: “Meglio un non credente che pensa, che un credente che non pensa”. Naturalmente, questo significa che un credente capace di pensare la sua fede è davvero un valore aggiunto (e questo non lo si è sottolineato mai abbastanza). Ora, la mia impressione è che, negli ultimi decenni (da metà degli anni 90, almeno…), molti – credenti e non – hanno smesso di esercitare questo dono fondamentalmente che appartiene alla donna e all’uomo in maniera specifica: quello di “vivere pensando”. Vivere la famiglia, pensando; vivere il lavoro, pensando; vivere la fede, pensando. Pensiero non è teoria (anche se la teoria fa parte del sistema-pensiero); pensiero, anche etimologicamente, è “capacità di pesare il reale”, di “ponderare l’esistenza”, e di farlo con attenzione.

Il credente (ma anche il non credente) che pensa è, dunque, colei/colui che “pesa la propria vita”, che la misura su una bilancia ben tarata e adatta allo scopo. Il credente che pensa/pesa l’esistenza sulla bilancia del Vangelo e della tradizione cristiana. Ora, chiediamoci: chi mette ancora in opera questo “sistema”?

Per decenni, dicevo, sono scomparsi i maestri; alcuni li abbiamo dimenticati (chi legge ancora Milani, Mazzolari, Balducci, Turoldo… ai propri figli?); e abbiamo ridotto il credere a una serie di gesti sempre più distanti (perché poco pesati) dal nostro vivere. Così siamo diventati solo devoti. Abbiamo parlato senza neppure accorgerci dello scempio persino di atei devoti e ci siamo messi alla loro scuola.

E’ necessario tornare a pensare/pesare la nostra vita, prima che sia troppo tardi. Il primo passo per farlo, è ricordare che siamo parte di una storia. E che, in questa storia (che è comunque la nostra) ne va della vita (che è ancora la nostra), sia che crediamo sia che non crediamo.

Perciò sarà sempre meglio un non credente che pe(n)sa, che un credente che non pe(n)sa la vita con attenzione.

Recommended For You

Copyrights © Synesio - la tenda delle idee. All rights reserved - P.Iva e C.F. 04451860961