LA STELLA. Una poesia natalizia

23 Dic

2016

LA STELLA. Una poesia natalizia

di Edmond Rostand

Adorazione dei Magi, Durer – Attualmente esposta al Museo Diocesano, Chiostri di Sant’Eustorgio

 

Un grande augurio da Synesio a tutti quelli che cercano, perdono,

ritrovano le stelle senza mai venir meno!

 

Perdettero la stella un giorno.

Come si fa a perdere la stella?

Per averla troppo a lungo fissata…

I due re bianchi, ch’erano due sapienti di Caldea,

tracciarono al suolo dei cerchi, col bastone.

 

Si misero a calcolare, si grattarono il mento…

Ma la stella era svanita come svanisce un’idea,

e quegli uomini, la cui anima

aveva sete di essere guidata,

piansero innalzando le tende di cotone.

 

Ma il povero re nero, disprezzato dagli altri, si disse:

“Pensiamo alla sete che non è la nostra.

Bisogna dar da bere, lo stesso, agli animali”.

 

E mentre sosteneva il suo secchio per l’ansa,

nello specchio di cielo

in cui bevevano i cammelli

egli vide la stella d’oro che danzava in silenzio.

Copyrights © Synesio - la tenda delle idee. All rights reserved - P.Iva e C.F. 04451860961